LORD ROBERT BADEN POWELL (1857-1941)

Lord Robert Baden-Powell (1857-1941) fondò lo scautismo all’inizio del XX secolo in Inghilterra. Le sue intuizioni pedagogiche, dall’educazione attiva all’educazione del giovane da parte del giovane, rimangono oggi il nucleo del metodo. Il metodo scout ha contribuito (e continua a farlo!) all’educazione di milioni di giovani in tutto il mondo.

Un ragazzo non come gli altri

Robert ha studiato alla Charterhouse school. La disciplina era severa ma, appena poteva, il ragazzo correva nel bosco proprio dietro la scuola che era vietato agli alunni. Doveva essere molto astuto per sfuggire al controllo degli insegnanti. Ciò non gli ha impedito di inventare molti giochi, osservare animali e cucinare piccoli giochi su “fuochi senza fumo” per non essere scoperto. Era considerato un allievo attento, un bravo giocatore e un ragazzo amichevole, pieno di immaginazione. Ma non era considerato un genio. Con i suoi fratelli, ha spesso avuto l’opportunità di esplorare la campagna di campeggiare e andare in canoa. Questa infanzia gli ha dato una forte formazione per la vita all’aria aperta e intraprendenza.

Carriera militare

Nel 1876, scelse la carriera militare. Alla gara d’iscrizione arrivò in seconda posizione, sorprendendo tutti. Tenente dell’Esercito delle Indie, ha sviluppato i suoi doni per lo sport, l’osservazione, il travestimento e la vita all’aria aperta. Per qualche tempo, è stato un agente dei servizi segreti in Russia. Quindi divenne colonnello nel 1899 e comandò i 1000 uomini della guarnigione di Mafeking, in Sudafrica, assediati dai boeri. L’assedio durò 217 giorni, durante i quali B.P. moltiplicò i trucchi e l’astuzia, anche usando i giovani ragazzi come messaggeri, osservatori, sentinelle. La resistenza degli assediati di Mafeking venne seguita con attenzione da tutta la stampa britannica. La liberazione della città il 16 maggio 1900 trasformò B.P. in un eroe nazionale. Nominato generale maggiore, organizzò la polizia a cavallo sudafricana.

All’inizio della sua carriera militare, nell’addestramento dei soldati, egli insisteva sullo spirito di iniziativa e sul senso di osservazione. Egli stesso divenne un eccellente scout militare e addestrò numerosi scout: agli avamposti delle loro truppe, devono trovare la strada e possibilmente localizzare il nemico, per riuscire a gestire in territorio ostile o sconosciuto.

“Sussidi per l’esplorazione”

B.P. pubblicò le sue osservazioni sullo “scouting” (l’arte degli esploratori militari) nel 1899 in un piccolo opuscolo destinato ai militari: “Sussidi per l’esplorazione”. Non sappiamo come l’esercito britannico abbia accolto questo libro, ma sappiamo che quando B.P. tornò in Inghilterra fu piuttosto sorpreso di scoprire che il suo libro era diventato molto famoso tra educatori e giovani ragazzi, che ne traevano ispirazione per i loro giochi e le loro attività, e anche per l’inserimento delle attività di osservazione nel programma di alcune scuole.

Come soldato coloniale, si prese cura della grandezza dell’Inghilterra. Per lui, questo dipendeva dalla salute, dall’educazione e dalla buona cittadinanza da parte di tutti. Fu colpito quando scoprì il contrasto tra la giovane popolazione dei sobborghi di Londra, in cattiva salute, inattiva e spesso delinquente, e i giovani soldati, sani e vigorosi, aperti, che aveva contribuito ad addestrare in entrambi i continenti. Quando aveva usato gli adolescenti di Mafeking come messaggeri e osservatori durante l’assedio (per mantenere gli uomini a difesa dei bastioni), aveva anche osservato che i ragazzi sono solidi e capaci di grandi cose, purché si sappia come parlare con loro e fidarsi davvero di loro.

Molti ragazzi gli scrivevano e lui rispondeva sempre accuratamente. Tutto ciò lo incitò a iniziare a lavorare e pianificare l’uso di tutte le tecniche che aveva sperimentato durante le sue campagne per metterle al servizio dei ragazzi, in una prospettiva di pace.

Nascita dello scautismo

Nell’agosto del 1907, andò con una ventina di ragazzi sull’isola di Brownsea, per un campo sperimentale. Creò delle pattuglie di cinque ragazzi guidati da uno di loro, e li fece praticare attraverso i giochi gli esercizi raccomandati dal suo metodo. I ragazzi e B.P. considerarono i risultati eccellenti. Quindi, capitolo dopo capitolo, pubblicò un libro intitolato “Scouting for boys”. Questo libro è considerato “la bibbia dello scautismo”. Secondo l’intenzione dell’autore, esso offre ai gruppi e ai movimenti giovanili un nuovo metodo educativo che è il frutto della sua esperienza, basato su una legge, una promessa, una vita di squadriglia e attività all’aria aperta. Molto presto furono vendute milioni di copie di questo libro di “buona cittadinanza alla scuola della natura, attraverso la conoscenza del bosco”.

Non appena apparve «Scouting for Boys», i ragazzi iniziarono a formare spontaneamente le proprie squadriglie, sempre più spesso al di fuori delle istituzioni esistenti. Senza volerlo davvero, B.P. fu praticamente costretto a organizzare questo movimento appena nato. Con l’aiuto di Edoardo VIII, re d’Inghilterra, lasciò la sua carriera militare nel 1910 e dedicò tutto il suo tempo allo scautismo. Quindi la sua storia è inscindibile da quella dello scautismo e del guidismo mondiale.

Pionieri della pace

Sulla vita di Baden Powell, ricordiamo anche che è finita in Kenya, l’8 gennaio 1941. La sua casa è stata chiamata “PAXTU”, un neologismo che potrebbe significare: “pace per te o pace con te”. Perché la principale caratteristica dello scautismo inventato da Baden Powell è quella di educare i bambini e i giovani di tutte le razze, lingue, culture, religioni e condizioni sociali, a diventare – contrariamente ai soldati che aveva addestrato – “scouts of peace”, vale a dire uomini e donne felici, utili, attivi, agli avamposti dell’esistenza. Lo scautismo, in incessante espansione sin dalla sua creazione, è stato senza dubbio il più grande movimento indipendente di formazione, apolitico e basato su volontari, in tutto il mondo. Ogni scout, ogni guida, tutti individualmente e tutti insieme a tutti i livelli dell’associazione, cercano di essere fedeli al messaggio del fondatore:

“Cerca di lasciare questo mondo un po’ migliore di quello che hai trovato.”